Game of Thrones – 8×05 | Recensione.

Seguimi su:
FacebookTwitter
  1. Mi faccio del male e inizio ora (alle 6:20 del mattino) a commentare questa puntata.

Allora, la battaglia delle due regine;

Stasera Cersei Lannister ha vinto. Non solo perché si è dimostrata l’essere umano che Daenerys non sarà mai, ma perché nei suoi ultimi attimi di vita ha sprigionato solo e soltanto amore, per il fratello e per suo figlio. Non accetterò nemmeno un insulto sul suo personaggio in questa puntata perché se no mi incazzo come una bestia. Chapeau ad un personaggio con i contro coglioni, coerente dall’inizio alla fine, complesso e potente fino al midollo. Per quanto riguarda Jaime, così doveva andare. Il suo destino è sempre stato ancorato a quello di Cersei, ed è giusto così sia per lui che per Cersei che per tutti i fan Lannicest, me compresa. Pensarli abbracciati sotto le macerie mi distrugge ma è stata la miglior fine che potevano avere.

Ora passo da una nota dolente ad un’altra; Sandor Clegane. Voi sapete bene l’amore eterno che ho sempre provato e sempre proverò nei suoi confronti. Lui era il gigante buono che meritava un’infanzia migliore, una vita migliore e un fratello migliore. So che ha avuto una fine spettacolare per il suo personaggio, perché Sandor viveva in funzione del Clegane Bowl, ma a me non va giù comunque. Lui era buono nel profondo, ha sempre combattuto per esserlo e ha saputo fare delle scelte ardue ma che l’hanno portato ad essere l’immenso personaggio che è. Un pezzettino del mio cuore se ne è andato con lui. D’altra parte, la Montagna è morto nel fuoco, lo stesso fuoco che ha segnato la vita del fratello per mano sua. Anche qui poesia alle stelle.

Per Qyburn invece hanno riservato la morte peggiore, istantanea, senza vederla neanche arrivare. Per Varys invece è stata leggermente più sofferta, e vederlo finire in quel modo sapendo che aveva ragione, ha reso il tutto ancora più tragico. 

Ma ora parliamo del trio dei schiavetti di Daenerys; Jon, Tyrion, Verme Grigio. Complimenti davvero a D&D per la scrittura delle loro storyline. 

1) Jon: È dovuto crollare solo per rendersi veramente conto delle sue azioni. Ha dovuto tocca il fondo solo per potersi poi rialzare. Sarò di parte ma io lo capisco nonostante tutto. Lui è degno dell’uomo che l’ha cresciuto quindi come avrebbe mai potuto voltare le spalle a Daenerys quando ormai le aveva giurato fedeltà? Lui è un uomo buono e di conseguenza vede solo il buono nelle persone, anche quando non c’è nulla che possa rivelarsi tale. Vederlo così penato in questa puntata è stato una sofferenze. Ha fallito sia come uomo che come combattente, ha sbagliato e lo ha capito troppo tardi. Lui stesso dopo essere tornato in vita ha detto “I’m not a God”. È solo un uomo troppo puro per questo mondo di merda però mi duole dirlo, ma questa sconfitta emotiva gli ci sta bene. È lo scossone che gli serviva ormai da tempo.

2) Tyrion: detiene il premio come peggior coglione di tutta la puntata. Non solo hai tradito un tuo amico mandandolo tra le fiamme, ma hai tradito tutta la tua casata, i tuoi stessi fratelli, il tuo ex popolo, la tua King’s Landing. Come puoi camminare lì in mezzo tra i cadaveri della tua gente e guardarti allo specchio? Lui non era uno stupido, il vecchio Tyrion non era uno stupido. Avrebbe saputo prevedere una cosa del genere. E invece no, come Jon, è dovuto sprofondare per capire la gravità della situazione. E ora ne affronterà le conseguenze, con se stesso. Purtroppo non è più il personaggio di una volta, non da quando si è unito a Daenerys. Almeno però la scena con il fratello è stata di un’intensità micidiale. 

3)Verme Grigio: per lui spenderò proprio poche parole. Vai a morire ammazzato, lurido pezzo di merda che inizi una carneficina con i soldati che avevano deposto le armi. Degno della sua regina. Spero che farà una fine peggiore della sua amata. 

Da questo blocco di personaggi poi ci si distacca Arya che almeno per me è stata indecifrabile in questa puntata. Ho interpretato le sue scene in questo modo: Arya ha sempre voluto fare questa vita, ha sempre voluto combattere senza fermarsi un attimo, e finalmente l’ha fatto e lo sta facendo tutt’ora, ma una volta che ha visto veramente che cosa significasse fare quella vita, vedere costantemente la morte di persone innocenti e nient’altro, lei ha fatto un passo indietro e si è detta “ho sempre voluto fare questo nella vita? è questo il mio futuro?”, perciò si è rifugiata in se stessa, ha preso un cavallo bianco (simbolo di purezza) ed è corsa via. A fine stagione andrà da Gendry a Capo Tempesta. Ormai ne sono sicura.

E ultimo; Euron Greyjoy. Potete dirne davvero tante su di lui ma non che è stato incoerente o che è stato un pessimo villain. La sua fine è poesia. Le sue ultime parole sono state “ho ucciso Jaime Lannister”, cariche di odio e di vendetta. Non c’è redenzione in lui neanche in punto di morte. Non c’è nemmeno uno sprazzo di bontà nei suoi occhi nemmeno nei suoi ultimi lasciti. Tutto questo è meraviglioso. Ha avuto una fine coerente a ciò che è stato in vita. 

Provo a chiudere; era inevitabile, tutto quanto. Anch’io stento a crederci nonostante lo prevedevo da puntate (e certi di voi neanche mi credevano), ma è il cerchio che si chiude. I Targaryen non sono mai stati dei santi e Daenerys stessa ha più volte detto delle frasi facilmente contraddittorie, nel corso delle stagioni, che erano tipiche del padre. Inoltre ha sempre detto “non diventerò mai come mio padre” troppe volte. Quella frase ha incominciato a perdere significato nella sua testa. Tutto questo per dire che la sua fine ci sta. La sua follia ci sta. Non è sceneggiatura improvvisata. Ci sta tutto. Perciò lo show è iniziato con un nuovo re e il Mad King precedentemente ucciso dal suo primo cavaliere? Ecco, così avverrà nella prossima puntata. Jon sarà il Jaime Lannister della situazione perché la tirannia non può più governare Westeros e lui lo sa bene. Il Trono verrà distrutto molto probabilmente ma per me è giusto così. Questa battaglia è stata la prova di quanto sia spregevole e deleterio il gioco dei troni. E Game of Thrones finirà con la fine stessa di questo gioco. Anche qui abbondiamo di poesia.

Sono incazzata di così tante cose che voi neanche immaginate, ma da umile spettatore faccio comunque i complimenti a questa serie che mai una volta ha smesso di sorprendermi (che sia in negativo o in positivo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *