5 film sul Natale da evitare.

Seguimi su:
FacebookTwitter

In attesa dell’arrivo del Natale, mi sento quasi in dovere di avvertirvi su alcuni film a tema natalizio che, a mio parere, definire “orridi” sarebbe quasi un eufemismo. Ma non parlo di titoli prevedibili, anzi. Parlo di quei film che in un primo momento sembrano avere a tutti gli effetti i requisiti giusti per un piacevole passatempo sul divano e con una cioccolata calda in mano. Ripeto: sembrano. Di film sul Natale realizzati bene ce ne sono molti, quindi che senso ha fare una lista dei migliori? Home Alone, la saga di Santa Clause, It’s a Wonderful Life, Elf, Polar Express sono solo alcuni di quei titoli che ogni anno fanno da tradizione natalizia per molte famiglie. Ma che dire invece dei film che non sarebbero mai dovuti uscire nelle sale nel periodo natalizio? Di quei film il cui trailer sembra quasi convincente ma non appena inizi a guardarlo te ne penti amaramente? Ogni anno è mia consuetudine provarne alcuni di nuovi per arricchire la mia collezione di film sul Natale, ma ultimamente ho avuto la sfortuna di guardarne alcuni davvero pessimi. Ecco la mia lista tutta al personale.

 

 5) La festa prima delle feste.

Partendo dal meno peggiore, anche se è tutto dire, ci troviamo di fronte a niente poco di meno di “La festa prima delle feste”, il cui titolo originale è “Office Christmas Party”. Il film, uscito il 7 dicembre, aveva tutte le carte in regola per essere un piacevole passatempo, vista la trama iniziale piuttosto convincente, se non fosse però per alcuni incidenti di percorso. Quali? L’incapacità di far ridere il pubblico con dei dialoghi che dovrebbero essere ironici, ad esempio. Oppure il totale no sense di gran parte dello svolgimento del film, la presenza insistente di un personaggio, probabilmente dovuta al bisogno insensato di farti apprezzare quel determinato attore. Non ho intenzione di spoilerare, nel caso alcuni di voi non si fidano del mio giudizio e intendono comunque andare a vedere questa perla. Tirando le somme, sono stata 2 ore al cinema a sopportare un film senza morale, con un cast mediocre (potrei anche escludere Jennifer Aniston ma a prescindere da tutto, ha avuto un ruolo estremamente marginale, perciò quasi non la ritengo parte del film), un mix di scene scritte alla rinfusa e un’ironia così bassa da superare (forse) quella dei cinepanettoni. Il mio voto al film: 6/10  

 

4) Fred Claus.

Il quarto posto se lo aggiudica Fred Claus. Film del 2007 con Vince Vaugh e Paul Giamatti, racconta del fratello di Santa Claus, Fred, che si rivolge a lui per avere i soldi per aprire un’agenzia di scommesse. Già da questo piccolo riassunto avrete dovuto farvi un’idea del film in sè. Non ho mai avuto molta stima nei confronti di Vince Vaugh che, nella sua carriera cinematografica, non ne ha mai fatta una giusta, quindi che mi sorprendo affare guardando Fred Claus? La comicità di Vince Vaugh è sempre sul limite del ridicolo eppure in questo caso è addirittura accentuata, come nella scena del ballo in mezzo ai folletti. Ma vedere attori come Paul Giamatti e Kevin Spacey abbassarsi ad un film che rappresenta il cinepanettone in versione americana, è la mia più grande delusione. D’altronde, non bisogna aspettarsi molto dal regista di Due single a nozze e Cambio Vita che, film carini, sì, ma pur sempre relegati ai margini della commedia americana. Su questo concetto, alcuni di voi potrebbero trovarsi in disaccordo con me, e in tal caso pace all’anima. A voi i vostri gusti, a me i miei.  Il mio voto al film: 6/10

 

3) Natale all’improvviso.

E siamo già arrivati alla top 3 con “Natale all’improvviso”, del 2015. Ho avuto il grandissimo piacere (e sono ironica, ovviamente), di gustarmi questo film proprio qualche sera fa e avrei preferito non averlo mai fatto. Voi che cosa vi aspettate esattamente da un film natalizio? Un’atmosfera calda e accogliente, una casa piena di addobbi e luci natalizie, una famiglia numerosa e piena d’amore (irreale ma bella a vedersi), e una trama divertente e che non si prenda troppo sul serio? Beh, io di solito mi aspetto tutto questo e pensavo di ritrovarlo in “Natale all’improvviso” ma evidentemente il trailer è stato realizzato per fuorviarci sulla realtà del film. Non fatevi imbrogliare, infatti, dal cast composto da attori di spessore come John Goodman e Diane Keaton. A seguire sono presenti anche Amanda Seyfried, Marisa Tomei, Olivia Wild, Steve Martin come voce narrante, ecc ecc, ma alla fin fine poco importa del cast se il film ne esce quasi martoriato a causa di una sceneggiatura priva di vitalità, colpi di scena, ironia e tant’altro. Il film avrebbe dovuto raccontare della famiglia Cooper che si ritrova finalmente dopo le feste natalizie per improvvisare una cena tutti assieme. Il problema del film? Per i primi 50 minuti del film non si arriva neanche lontanamente alla cena tanto attesa, anzi, è solo un carrellata di storyline diverse che non provocano alcun interesse da parte del pubblico; la ragazza che si innamora del soldato in aeroporto, il sedicenne che cerca di dichiarare il suo amore alla ragazza che le piace, un uomo divorziato che cerca di raccogliere i cocci della sua vita, e via dicendo con i soliti cliché della commedia americana. Niente di nuovo in nessun fronte, solo 1 ora e mezza di dialoghi soporiferi. Il mio voto al film: 5/10

 

2) Forza Babbo Natale.

Il film meno recente della lista è per l’esattezza del 1996, il cui titolo originale è anche peggio di quello tradotto in italiano; “Santa with muscles”. Non capitai per caso a vedere questo film ma lo guardai per una semplice ragione; una piccola Mila Kunis all’età di 7 anni. Ma purtroppo Mila è l’unico punto a favore di questo film che per anni è stato in cima alla lista dei peggiori film di iMDB. Come biasimarli. La trama è fondamentalmente questa: Il protagonista della storia, interpretato da Hulk Hogan, ha una forte amnesia e si convince improvvisamente di essere Babbo Natale. Divertente? No. Simpatico? Affatto. Con un buon cast? Neanche quello. La scarsissima interpretazione di Hulk Hogan (anche se dire interpretazione è dire tanto) è la perfetta rappresentazione di questo film di bassa qualità. Quindi perchè rovinarsi un pomeriggio a vedere questa robaccia? Non fatelo. Il mio voto al film: 2/10   

 

1) Silent Night.

Al primo posto mi sento obbligata a mettere Silent Night (2012), film strettamente natalizio ma al tempo stesso anche horror. Un’accoppiata da evitare assolutamente se si vuole realizzare qualcosa di vagamente accettabile, a mio parere. Il film racconta la prevedibilissima storia di un Babbo Natale che si fa chiamare “Santa Jim” che durante la vigilia di Natale semina il panico uccidendo persone che, secondo lui, non si comportano bene. Sorvolando sull’aspetto incredibilmente ridicolo del personaggio di Santa Jim con gli occhi bruciati (ma che fantasia), questo film non ha nemmeno il diritto di porsi sotto la categoria horror perchè in tal caso sarebbe uno scempio per film come “Non aprite quella porta” e “Scream” coesistere nella stessa categoria di questo film. Silent Night è semplicemente un accozzaglia di squartamenti continui e privi di un filo logico, con un cast squallido così come la sua interpretazione. Il mio voto al film: 1/10

 

Ho voluto fare questa lista al solo scopo di evitare di mettere solo titoli prevedibili. Che senso aveva fare una lista di 50 titoli sentiti e risentiti? I film che ho elencato qui sopra sono invece quelli che considero fuorvianti o come dico io “belli solo a prima vista” ovvero: vedo il trailer, mi sembra carino, lo guardo, per poi pentirmene subito dopo. E invece mi sembra più che giusto prevenire tutto questo e avvertirvi. Vi consiglio sopratutto una cosa: odiate tanto qualcuno e non sapete come dirglielo? Consigliategli uno di questo film e riceverà il messaggio in modo estremamente chiaro.

8 pensieri riguardo “5 film sul Natale da evitare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *